Il ritorno di Ofelia

La pazzia

A volte una storia si può narrare senza parole. È quello che avviene con gli scatti di Mirella Malaguti, fotografa bolognese che stimo moltissimo e con cui collaboro da alcuni anni. Mirella ha firmato i ritratti che compaiono sul retro di copertina dei miei ultimi romanzi. Questa volta, ha dato vita a fiabe oscure dense di luci e ombre. Ofelia, gli occhi chiusi, fluttua tra le pagine strappate di un libro. Rinasce. Poi una dama incappucciata che scende da un pendio e una fanciulla in pericolo, inseguita da una creatura del buio. Frammenti di storie sospese tra la realtà e il simbolo. Potete vedere gli scatti nel suo nuovo sito ufficiale a questo indirizzo: http://www.sowhatphotography.it/

Il risveglio
Il sogno
Sulla via del ritorno dopo il set. Io, Mirella, Davide Boni il bravissimo parrucchiere - andatelo a trovare a San Pietro in Casale se ci passate! - e l'assistente «boscaiolo» Flavio
Annunci

4 pensieri su “Il ritorno di Ofelia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...