Charter in delirio: poesia artificiale

CHARTER IN DELIRIO_Layout 1

«By such and such offering
To Mr. So and So,
The web of live woven –
So martyrs albums show!»

Traduzione automatica:
«Con tale e tale offerta
al Signor Così e Così,
il sito web di tessuto vivo –
così i martiri visualizzano gli album.»

A quanti di voi è capitato, almeno una volta nella vita, di voler tradurre al volo il testo di una canzone.

Cercate nel google ed ecco che vi apre la pagina con la traduzione automatica. A volte qualcosa di delirante, altre divertente, altre ancora assurdamente lontano dal significato originale del testo.

Charter in delirio (Elliot) a cura di Marzia Grillo è tutto questo: un’esperimento delirante, divertente, per certi versi struggente e aggiungo coraggioso, unico nel suo genere.

Prendete una raccolta di poesie di Emily Dickinson, considerata tra i maggiori lirici del 1800, così raffinata e insieme visionaria e datela in pasto al traduttore automatico.

Il risultato? Poesia per algoritmi, ironia per intelligenze artificiali.

Qualcuno di voi forse si arrabbierà a vedere testi studiati sui banchi di scuola trasformati in qualcosa di completamente diverso dal significato originale. Qualcun altro si divertirà, si sorprenderà. Quello che è certo è che non si rimane indifferenti di fronte ai molteplici significati che la parola può assumere.

Quella di tradurre è un’arte.
Il traduttore deve essere sensibile, attento, quasi un sensitivo che “sente” un testo e cerca di renderlo da una lingua all’altra.
Come leggiamo nella postfazione della traduttrice Martina Testa, il mondo della Dickinson si popola di charter in delirio, piste di peluche, zuppe inglesi e bandiere gay, mentre il suo immaginario fatto di api e di fiori, ebbrezza ed eternità viene assalito dai tecnicismi dell’informatica, dello sport e dell’economia.

Il traduttore automatico è un algoritmo, non ha sangue nelle vene. Non ha sensibilità. O forse no?
Di sicuro ha la dote dell’ironia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...