Paperi… in pillole

13507155_10210281186692985_4162356310929777317_n“Dobbiamo solo continuare ad andare.
Il nostro dolore… sarà la nostra forza.
Soffocheremo il dolore, nella nostra quotidianità. Sarà un compagno freddo e silenzioso.
A volte sembrerà che sia sparito. Ma sapremo che esso è lì. Insieme a noi.
Sempre”.

Allo scorso Cartoomics ho comprato PaperUgo (Shockdom) dei fratelli Rincione. L’ho letto d’un fiato e, lo ammetto, mi ha profondamente turbata. Una specie di un groppo in gola, che è rimasto per giorni. Quel senso di solitudine che ti aggredisce come un cappio al collo e stringe sempre più forte.

Ecco, ho appena finito di leggere PaperPaolo e sto malissimo. La violenza di cui sono intrise le pagine, l’atmosfera malata, quel senso ineluttabile di “male sociale” che come un ragno tesse la sua tela in silenzio e tutto divora.

Il pericolo è in famiglia. La stessa famiglia che ci dovrebbe proteggere.

Incredibile come Marco Giulio Rincione diventino una cosa sola nel dar vita a parole e immagini che si completano e tagliano come bisturi affilati.

Perché il fumetto non è solo intrattenimento. Può ferire, far pensare, far star male. E io so che questo senso di impotenza e malessere mi accompagnerà fino a sera.
E ho letto un fumetto di Paperi…

Annunci

Un pensiero su “Paperi… in pillole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...