Visione: umanità sintetica

«La risposta di Visione era sì. Avrebbe continuato.
Avrebbe riparato quello che era rotto. Avrebbe nascosto quello che non poteva riparare. Avrebbe avuto la sua famiglia. La spiegazione semplice della sua risposta sarebbe stata che lui, che voleva essere umano, riconosceva che questa era la decisione umana.
Che ogni giorno gli uomini e le donne fanno tutti la stessa scelta. Vanno avanti anche se sanno che non è possibile.»

Do Androids Dream of Electric Sheep? Il capolavoro del 1968 di Philip K. Dick metteva in scena androidi e umani in un confronto fortemente filosofico. Che cosa differenzia l’uomo dall’androide? Se anche quest’ultimo prova sentimenti e ha ricordi, seppur prefabbricati, non ha forse la stessa dignità di un essere umano?

La serie Visione (Panini Comics – serie Marvel Collection, pp.136) riprende a distanza di mezzo secolo questi stessi dilemmi e il risultato è un fumetto autoriale profondo e a mio avviso imperdibile. La serie sceneggiata da Tom King e illustrata da Gabriel Hernandez Walda (con un contributo di Michael Walsh in episodio 7) è uscita in due volumi cartonati a colori, racchiusi in volumi davvero curati: Visione 1 – un po’ peggio di un uomo e Visione 2 – Un po’ meglio di una bestia.

Sin dai titoli, fortemente evocativi, esce il dilemma di Visione, il figlio di Ultron, creato per distruggere gli Avengers ma che si ribella al suo destino alla ricerca dell’umanità che gli è stata preclusa dalla nascita. Questo lo porta a due tentativi di mettere su famiglia. Il primo fallisce dolorosamente. Il secondo è il fulcro della narrazione della saga che inizia proprio con il trasferimento della famiglia sintezoide in un nuovo quartiere, per iniziare una nuova vita.

Visione si è creato questa famiglia, e non sto parlando in senso figurato. Virginia, i due figli adolescenti Viv e Vin (a cui si aggiungerà il cane Sparky) sono la sua occasione per inseguire il sogno americano. Ma è il sogno americano che sembra non volere intromissioni da parte di chi è così macroscopicamente diverso.

Questa è una storia sul desiderio di essere accettati, una storia sulla difficoltà di costruire relazioni, sul bullismo, sulla vita e la morte, sull’importanza dei ricordi, sull’importanza di avere un posto da chiamare casa. Questa è una storia sul senso profondo della vita.

Ma non era una storia di supereroi, vi starete chiedendo? Ok, ci sono anche quelli! Non manca il sottofondo con i rapporti tra Vendicatori e Visione, qualche bello scontro con risvolti splatter e ho personalmente apprezzato la comparsata di Spiderman e del nuovo Thor (donna), oltre che dell’immancabile Iron man che quando appare mi mette sempre di buon umore.
Parole e immagini si amalgamano alla perfezione e i colori di Jordie Bellaire sono la ciliegina sulla torta. Capaci di amplificare le emozioni, fanno esplodere la drammaticità, la rabbia e i sentimenti in modo esponenziale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...