Blast – La coscienza di un uomo

«L’ubriachezza non è una schiavitù, è una liberazione. È l’unico modo per conoscere se stessi senza spaventarsi. Ma, come in tutte le discipline, se non vuoi restare dilettante a vita, ti ci vuole coraggio, impegno e tenacia. Te la devi meritare la vita ebbra».

Di Manu Larcenet avevo già letto il dittico Il rapporto di Brodeck, una storia che mi aveva scavato dentro, così in profondità da lasciarmi turbata, incapace di leggere altro per giorni. Ne avevo parlato QUI. 

In questi giorni ho recuperato dello stesso autore i primi due volumi di Blast, il romanzo illustrato in quattro parti con protagonista Polza Mancini, edito in Italia dai tipi di Coconino Press. Anche questa volta è stata una lettura dolorosa. Una lettura che non ti lascia comodo spettatore ma ha la capacità di prenderti e catapultarti in un mondo scomodo e inospitale, quello dei diversi, degli emarginati: il mondo di Polza e degli altri reietti.

Blast ha la struttura di un’indagine. Proprio come in quel capolavoro che è la prima stagione di True Detective, all’inizio il protagonista è interrogato da due poliziotti sulla morte di una ragazza ancora misteriosa, Carole.

Attraverso il suo racconto, Polza ripercorre gli avvenimenti e il suo passato, la decisione di lasciare la vita di scrittore di libri di cucina e la moglie per diventare un clochard, i suoi incontri e il suo rapporto con l’alcol e con la natura.

«La mia storia non è un problema matematico! Si riassume tutta nella collisione tra il caso e le mie… ossessioni. E la cosa più affascinante è che, tra questi due poli, non c’è traccia di moralità. né di etica, né di giustizia… mentre voi vi limitate alla legge, io mi conformo solo alla natura… e la giustizia, in natura, non esiste!»

Sovrappeso, mal vestito, sporco per la vita che conduce, Polza è uno scarto della società che non ha paura di guardare dentro l’abisso della sua anima. Inizialmente i poliziotti lo osservano non solo con sospetto; il loro è autentico risentimento, quasi egli possa infettarli con il “morbo” della sua deformità.

Il grasso di Polza diventa la metafora del suo odio verso se stesso, ma anche dell’odio degli altri, feroce e assoluto. Gli altri, che guardandolo non vedono altro che una “grassa carcassa”, come recita il titolo del primo volume.

E sopra tutta questa miseria umana c’è il Blast, che si traduce letteralmente come esplosione: “to explode or destroy something or someone with explosives, or to break through or hit something with a similar, very strong force”.

È questo che accade a Polza in certi e inaspettati momenti. Diventa leggero, vede tutto a colori e sembra comprendere l’universo stesso e insieme non farne più parte. Ed è proprio nelle parti relative al Blast che Larcenet sceglie di inserire sprazzi di colore nella storia, altrimenti sui toni del grigio. Sono infantili, per certi versi inquietanti e si distaccano dal resto in modo netto (non a caso, sono stati realizzati dai figli di Larcenet).

Come ne Il rapporto di Brodeck, anche in questo caso gli animali compaiono nella storia. E lo fanno da una posizione privilegiata; sembrano quasi spettatori distaccati della miseria umana. Si nascondono tra i paesaggi selvaggi e in alcune visioni dove è un grande gufo a guardare Polza negli occhi, come volesse scandagliargli l’anima.

Questa è una storia fatta di terra, sangue e dolore. Questa è una storia di ricerca interiore e misticismo. Questa è la storia di molti misteri; il più grande di tutti è quello del viaggio di un essere umano dentro se stesso. Questo viaggio farà male.

Siete pronti a partire?

Annunci

Born to lose: le tante vite di una donna

«Sto lavorando su me stessa per essere una persona meno sorridente. Vorrei essere più aggressiva. Vorrei essere di quelle antipaticone acide che incutono timore. Ci devo lavorare. E alle persone che mi feriscono vorrei gridare: vaffanculo brutto str**zo di me**a!»

Born to lose di Nicoz Balboa (Coconino Press, brossurato, 192 pp., a colori) è un diario. Intimo, malinconico, sincero, divertente, feroce.
Un diario reale, senza costruzioni, perché chi l’ha scritto ha deciso di rinunciare a ogni maschera. Un diario che nasce dal progetto grafico giornaliero MOMeskine, inizialmente pubblicato sul web.

Born to lose contiene confessioni, paure e buoni propositi e giornate storte, e altri buoni propositi e sbagli e mille cambi di umore.

Born to lose è il diario di una giovane donna alla ricerca di qualcuno che la ami sinceramente. Ma è anche il diario di una madre, di un’artista, di un essere umano alla ricerca di se stesso. Per questo è così spiazzante. Perché ti rendi conto di trovarti improvvisamente nei panni di un’altra persona o, come cantavano i Depeche mode, di camminare nelle sue scarpe.

Nicoz Balboa si mette a nudo, faticosamente, in maniera catartica. Sembra scrivere per capire meglio i suoi sbagli e insieme per urlare al mondo i suoi desideri, in modo che in mondo per una buona volta la stia a sentire. E tutto questo senza rinunciare a una buona dose di humor e autoironia.

Lo stile del disegno è anarchico, stiloso, a tratti infantile per la purezza con cui l’autrice mette su carta le emozioni. E il risultato è un libro unico nel suo genere, un libro prezioso perché mette su carta un pezzo di vita.

Nicoz, sappi che durante la lettura ho partecipato fortemente alla narrazione mangiando chili di cioccolata, gridandoti di lasciare G. quando ti faceva stare male e rivolgendomi a te come se fossi un’amica. E alcuni dei tuoi buoni propositi, come quello riportato in calce all’articolo, li ho fatti miei. Perché in fondo, c’è un po’ di Born to lose in ognuna di noi. Girls power!

Nota finale. A proposito di dire a voce alta i desideri, in wishlist ho segnato: farsi tatuare da Nicoz Balboa.

 

 

 

Consigli… da mettere sotto l’albero di Natale.

15697647_10212043073139045_878220350426263689_nFumetti da leggere prima che l’anno si concluda, o con cui iniziare quello nuovo? Partiamo da un pezzettino di cuore, il Dylan Dog Diary (Dylan Dog – Sergio Bonelli Editore), nato per i festeggiamenti del trentennale dell’indagatore dell’incubo. Oltre a uno splendido intervento di Tiziano Sclavi (che, non prendetemi in giro, riesce sempre a commuovermi) unisce pensieri, aneddoti e istantanee di vita di chi le storie le ha create in questi anni (più vari contenuti speciali e una veste grafica curatissima).
Passiamo ai primi due volumi di “Marina” di Matteo Zidrou (Panini Comics Italia). La vicenda si svolge a Venezia alternando due piani temporali, il presente e un passato oscuro dove una ragazza coraggiosa, Marina Dandolo combatte contro i pirati, l’ottusità contemporanea e la sua stessa famiglia, all’ombra delle profezie di Dante Alighieri, che proprio dalla Repubblica veneziana fu esiliato.
Finisco con tre pezzi di diamante, pubblicati da Coconino Press. Per gli amanti dell’horror estremo orientale, “Il Bruco” di Edogawa Rampo e Suehiro Maruo: disturbante, visionario, raffinato nel suo superare i limiti pagina dopo pagina. Ambientato nel Giappone degli anni Venti, unisce eros e morte in modo deliziosamente malato.
Introspettivo è l’ultimo graphic novel di Otto Gabos, “Il viaggiatore distante”. Un racconto di formazione che diventa un’avventura interiore sullo sfondo di una New York fredda in cui sogni e paure si rincorrono nel cuore di Romeo, il protagonista.
Finisco con un racconto così potente che devo ancora riuscire a metabolizzare tutte le sensazioni che mi ha lasciato: “La terra dei figli” di GIPI (Gian Alfonso Pacinotti), è davvero bello come avevo sentito dire. Mi è piaciuto così tanto che… quasi mi vergogno! A metà della lettura ho dovuto fare una pausa per non essere travolta dal male di vivere e dall’oscurità che permea ogni pagina, ma non si slaccia mai da una speranza di fondo e per questo fa più male. La fine del mondo, gli uomini come relitti alla deriva. E un diario. Perché solo la parola può salvarci dall’estinzione.
Buone feste 

Hollywood Jan: quant’è difficile crescere!

HOLLYWOOD_copertina-OK-DEF«Ladies and gentlemen, un bell’applauso per il nostro grande campione, reduce dalle medie…
Una forza travolgente, una coordinazione muscolare incredibile. un metro e 63, 49 kg sulla bilancia. Fate largo a…»

Jan Herst è il protagonista di Hollywood Jan (Coconino Press – Fandango, 140 pp. colori) il nuovo fumetto di Bastien Vivès e di Michaël Sanlaville. Una storia che ho divorato. Sulla crescita e le sue complicazioni.

Jan è mingherlino, introverso, insicuro, ha appena finito le scuole medie e il suo primo giorno di scuola alle superiori è come un incontro di boxe con un avversario decisamente fuori scala. Incontro che non può finire altro che con un  K.O. da parte del nostro (anti) eroe.

Hollywood Jan è un racconto di formazione narrato attraverso brevi capitoli, ognuno con il suo titolo e uno stralcio di illustrazione iniziale, quasi come i titoli di testa di un film. Anche il “montaggio” è cinematografico. E non è un caso che il protagonista da grande (non potendo fare la tartaruga ninja) vuole fare il regista.

Del resto, i suoi tre amici immaginari sono Arnold Schwarzenegger, Sly – Stallone e Russ – Russell Crowe, quest’ultimo in una distorta versione “Gladiatore perennemente eccitato”. Sono loro a consigliare, janvives09-670x946proteggere, consolare Jan durante le difficoltà di integrarsi nella nuova scuola. Ma soprattutto a fargli da cuscinetto nei suoi goffi tentativi di fare amicizia, per smettere una buona volta di osservare gli altri dal suo angolo di insicurezza e vivere la sua vita, anziché subirla.

Gli amici immaginari rappresentano le tre voci della coscienza di Jan, in perenne lotta tra loro.
Sly è la voce positiva, della speranza, che già dalle prime pagine del fumetto dice al protagonista: «Non avere timore, Jan. Io ho fiducia nel futuro».

Russ, come ho già anticipato, è la voce del sub-ombelico. Quella in perenne balia degli ormoni. E poi c’è la terza vocina interiore, la più oscura, la voce dell’insicurezza. Quella che prima o poi nella vita, da adolescenti o no, ha insinuato il dubbio in ognuno di noi, sussurrando alle nostre orecchie che siamo diversi e non saremo mai accettati dagli altri.

La voce che ci boicotta quando vorremmo integrarci, che ci fa lo sgambetto se proviamo a correre.

Sarà proprio Arnold il vero grande villain di questa splendida storia sulla crescita, più ancora dei bulli o dei compagni di classe più ostici. Perché noi stessi sappiamo essere il nostro peggior nemico. È per questo che non si finisce mai di crescere.

Le illustrazioni sono espressive, a volte scarne di sfondi per mettere in risalto la figura umana. I colori pastello hanno il sapore malinconicamente retrò di certe pellicole del passato. Perfetti per esasperare le situazioni narrate (vedi la scena alla festa in cui l’ansia di Jan sembra uscire dal corpo e tingere l’ambiente di colori acidi, come le luci stroboscopie che gli danzano intorno).

Hollywood Jan è promosso a pieni voti, consigliato a tutti i ragazzini di oggi e di ieri. E ora vi lascio, ho una discussione in corso con i miei amici immaginari!